13 ottobre 2017

I Linkin Park tornano in sala prove dopo il grande lutto

print-icon
Linkin Park

Anche se è difficile riprendere dopo il grande lutto che li ha colpiti, i Linkin Park tornano in sala prove per la prima volta senza il loro leader Chester Bennington. La band sta preparando il live del 27 ottobre in memoria di Chester.

I Linkin Park sono tornati in sala prove a poco più di due mesi di distanza dalla scomparsa del cantante del gruppo, Chester Bennington, morto suicida lo scorso 20 luglio, a soli 41 anni.

Di nuovo al lavoro per il grande concerto evento dedicato a Chester

La band ha annullato tutti i concerti successivi al tragico evento, non avendo ancora la forza per riuscire ad affrontare il pubblico: «Stiamo lavorando ogni giorno sul nostro dolore, su come guarirlo, e su come superare insieme questo capitolo della nostra vita senza il nostro amico» è stata una delle poche dichiarazioni rilasciate dai musicisti. Però qualche giorno fa sull’account social di Dave Phoenix Farrell, il bassista del gruppo, è apparsa una foto che vede i componenti della band in sala prove. La didascalia dice quello che i fan volevano sentirsi dire: «Tornati al lavoro! È bello aver ritrovato i ragazzi». Proprio Phoenix era stato uno di quelli che avevano commentato la scomparsa di Bennington pochi giorni dopo: «Una grande parte dell'eredità di Chester saranno i ricordi di lui che tutti noi conserveremo nel nostro cuore. Era un padre giocoso ed entusiasta, un musicista onesto e appassionato e un amico leale», erano state le parole del bassista. I Linkin Park stanno preparando il live in onore di Bennington, che si terrà il 27 ottobre all’Hollywood Bowl di Los Angeles. Al concerto-tributo parteciperanno molti gruppi della scena punk e nu-metal che hanno condiviso i palchi di tutto il mondo con i Linkin Park. Tra i nomi che sono stati già confermati ci sono quelli dei System of a Down, dei Blink 182, dei Bring Me The Orizon, dei KoRn, di Ryan Key degli Yellowcard, di M. Shadow e Synyster Gates degli Avenged Sevenfold, del rapper Machine Gun Kelly e di Kiiara.

Il video di Carpool registrato sei giorni prima della scomparsa

Recentemente, i Linkin Park hanno voluto rendere pubblico un video di “Carpool karaoke”, registrato sei giorni prima che Chester Bennington decidesse di mettere fine alla sua esistenza. Nel video, Bennington è al volante e accanto a lui è seduto Ken Jeong, attore di “Una notte da leoni”, seduti dietro, Mike Shinoda e Joe Hahn dei Linkin Park. Il gruppo ha cantato sia brani del loro repertorio, come In the End e Numb, sia pezzi di altri artisti, come Hey Ya degli Outkast o Under the Bridge dei Red Hot Chili Peppers. Il video è molto divertente e sembra davvero incredibile che solo sei giorni dopo, Bennington decidesse di togliersi la vita. Anche la moglie di Chester, Talinda Ann Bentley, ha voluto condividere il video, invitando i fan a effettuare delle donazioni all’One More Light, il fondo di solidarietà in onore del marito, nato per aiutare chi lotta contro la depressione, malattia di cui soffriva Bennington. Il Carpool karaoke provoca un misto di ilarità e di tristezza, soprattutto perché, a un certo punto, Chester Bennington dice «Questo è probabilmente il giorno più bello della mia vita», una frase che, ascoltata adesso, assume tutto un altro significato.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky