Caricamento in corso...
22 ottobre 2009

Il sogno della passerella

print-icon
nud

Michela Maggioni

Michela Maggioni racconta il suo rapporto con la Stefanenko, le prove che l’hanno imbarazzata, il viaggio a Singapore e il sogno di sfilare a Parigi. Leggi l’intervista, guarda i video e le foto

di Simona Frigerio

Michela Maggioni ha vinto la seconda edizione di Italia’s Next Top Model, il reality show ideato negli Usa dall’ex top Tyra Banks e condotto in Italia da Natasha Stefanenko, la conduttrice russa che ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo proprio grazie alla vittoria in un altro celebre concorso, The Look of the Year. Alla vigilia della prima puntata del reality che dà l’opportunità alle aspiranti modelle di entrare nel mondo patinato della moda, chiediamo proprio a Michela, reduce dalla Settimana della moda milanese dove ha sfilato in esclusiva per lo stilista John Richmond, cosa l’abbia spinta a partecipare.
«Lo spirito di avventura e l’opportunità di sfruttare le mie caratteristiche fisiche per sfondare come modella», spiega con piglio deciso. «Era un’occasione da non perdere, un modo per seguire una strada che forse, senza questo programma, mi sarebbe stata negata».

Cosa pensava dei reality prima di essere lei stessa una concorrente?

«All’inizio condividevo l’opinione comune che i reality fossero un po’ pilotati. Invece, non so se è stata un’eccezione, ma ho scoperto sulla mia pelle il contrario. In Italia’s Next Top Model era tutto vero, non c’era niente di finto tra noi ragazze anche se, ovviamente, un programma, per essere seguito, deve rispettare certi ritmi. Comunque, oggi posso dire di non avere più alcun pregiudizio contro i reality show».

Com’è stato il suo rapporto con la conduttrice, Natasha Stefanenko, e con le altre concorrenti?
«Natasha ha saputo trasmettermi la sua grinta. Non pensavo a lei come a un modello da seguire ma a una professionista che ha fatto strada e poteva darmi i consigli giusti. Con le altre concorrenti, all’inizio, non c’era competizione, non le guardavo come possibili avversarie. Solo verso la fine si è fatta sentire la rivalità. Certo, non è stato sempre facile convivere con altre 13 ragazze ma mi sono trovata molto bene con le mie compagne di stanza, Claudia e Giulia. Con quest’ultima ho addirittura trascorso le vacanze, mi ha invitata in Sicilia, siamo diventate amiche. Nel complesso è stata un’esperienza positiva, unica. Mi è sembrato di vivere in una bolla di sapone multicolore».

Si ricorda qualche momento spassoso?
«Tanti… Una volta, ad esempio, eravamo state divise in due gruppi, uno era andato in palestra e uno era rimasto a casa. Io ero a casa e un cameram mi suggerisce di fare qualcosa, muovermi, magari pulire uno specchio. Non l’avessi mai fatto… Prima ho cominciato a pulire lo specchio usandoun prodotto sbagliato perché non sapevo quale scegliere. Poi, per inumidire lo strofinaccio, mi è scappato l’erogatore della doccia e ho bagnato tutto. Insomma, ho combinato un macello, ripreso fedelmente dalla telecamera. Devo dire che, alla fine, non riuscivo a smettere di ridere».

Qual è stata la prova che ha affrontato con maggiore tensione e quella per lei più naturale?
«Mi preoccupava molto sfilare camminando nell’acqua perché avevo ricevuto critiche severe nelle prove precedenti. Quando ho cominciato, pensavo che sfilare fosse una cosa naturale e di sicuro non immaginavo che esistessero delle tecniche da imparare. Dovevo dimostrare di essere riuscita a migliorarmi, ma era difficile perché mi muovevo in 20 cm d’acqua. Temevo di scivolare ed ero molto in ansia. Al contrario, nella prova sospesa a 10 metri d’altezza mi sono sentita subito a mio agio: mi sembrava di essere la protagonista di un sogno».

Com’è cambiata la sua vita dopo aver vinto Italia’s Next Top Model?
«Il reality è stato un punto di svolta sia per il lavoro, sia per la nuova consapevolezza di me stessa, per il modo di prendere la vita, che è cambiata completamente. Da studentessa di filosofia che frequentava le lezioni tutti i giorni in università, tornava a casa a studiare e vedeva gli amici, sono diventata una persona ricca di impegni e la quotidianità si è trasformata in un’avventura. Ogni giorno è diverso dall’altro e non sai mai cosa può succedere. Per non parlare dei viaggi. Sono a poco tornata da Singapore, dove ho trascorso un paio di mesi. È successo tutto all’improvviso: mi hanno chiamata due o tre giorni prima della partenza e mi hanno chiesto se accettavo di lavorare… dall’altra parte del mondo! Se la mia esistenza, prima, era sinonimo di routine, adesso è una continua sorpresa, e a me piace da morire».

I suoi progetti futuri?
«Nella moda vorrei arrivare in cima, là dove, in teoria, questo programma ti dovrebbe portare: al top. È anche la mia filosofia personale: se si intraprende qualcosa, lo si deve fare al meglio. Adesso si pensa a Parigi, nel senso che ci stiamo lavorando sia io sia il mio manager, Michael Giannini, e l’agenzia d’management: perché questo è un lavoro di squadra. Il sogno è una carriera di livello internazionale e spero si realizzi al più presto».

L'articolo è stata pubblicato sul numero di marzo di SKYlife. Per riceverlo a casa registrati.

Guarda lo Speciale dedicato a Michela

Michela Maggioni, da INTM alla passerella

Il meglio di Michela: guada la fotogallery

Guarda le fotogallery più belle di INTM3

Tutti i colori della Moda: guarda l'album fotografico

Vai allo Speciale di Italia's Next Top Model 2

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky