Caricamento in corso...
04 marzo 2009

The Listener, perché io leggo nel pensiero

print-icon
Cra

Craig Olejnik

Parla Craig Olejnik, protagonista dell’inedita serie tv che combina paranormale, poliziesco e medical drama. Primo lancio tv in contemporanea mondiale: in Italia appuntamento il 5 marzo alle 22.05 su Fox (canale 110 di SKY). Guarda il video e la gallery

di Mattia Nicoletti

Primo progetto globale di Fox International Channels, di produzione canadese e distribuzione planetaria, The Listener (dal 5 marzo ogni giovedì alle 22.05 su FOX, canale 110 di Sky, ndr) è la storia di Toby Logan, un giovane paramedico ma, soprattutto, un uomo che ha lo straordinario potere di leggere nella mente. Toby tiene nascosta a tutti questa sua capacità, tranne che all’amico e collega Oz (Ennis Esmer), con il quale affronta casi sospetti e vita quotidiana. Durante le riprese di questa nuovissima serie, siamo volati sul set, a Toronto, per incontrare l’interprete.
Ventinove anni, capello corvino, occhi di ghiaccio ma sorriso da bravo ragazzo, completamente vestito di nero, Craig Olejnik è riflessivo quando parla e risponde alle domande.

Che impressione le fa l’idea di andare in onda in contemporanea in tutto il mondo?
Sento qualche pressione, anche perché la mia vita potrebbe cambiare da un giorno all’altro. So che abbiamo lavorato duro e abbiamo dato del nostro meglio. Certo, non posso controllare il futuro... per ora.
Lei interpreta un telepatico. Tematica che sembra affascinare molto i produttori delle serie tv attuali: penso, ad esempio, a True Blood (in onda su Fox dal 6 aprile, ndr).
Toby, il mio personaggio, ha qualcosa di unico perchè il suo potere telepatico è incontrollabile e, soprattutto, cresce senza limite. Lui cerca di utilizzarlo al meglio, ma non sempre ci riesce. E quindi ogni situazione in cui sfrutta la sua
capacità è per lui nuova. Ogni giorno Toby è uomo qualunque, e in un certo senso un eroe. Ed è anche un uomo che ha 6 sensi.
Toby ha qualcosa del “ragazzo della porta accanto”, come lei d’altra parte. Che cosa ha messo
di se stesso nel suo personaggio?

In fondo sono un bravo ragazzo come lui... Diciamo che io non reputo di avere un grande senso dell’umorismo e così anche Toby; però, come lui, sono molto curioso e sono una persona che sa ascoltare. Fin da quando mia madre mi diceva “Se non hai niente di importante da dire è meglio che tu stia zitto”, io ho ascoltato moltissimo e ho imparato tantissime cose grazie a questa mia caratteristica.
Quindi non è uno che parla molto...
Diciamo che rispondo alle domande quando me le fanno, ma non mi definirei proprio un logorroico.

L'intervista è stata pubblicata sul numero di marzo del magazine SKYLIFE. Per riceverlo a casa registrati.

GUIDA TV: GUARDA QUANDO VA IN ONDA THE LISTENER

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky