Caricamento in corso...
30 marzo 2017

Emily Ratajkowski risponde così alle critiche

print-icon
Emily Ratajkowski risponde così alle critiche

Emily Ratajkowski fa parlare ancora di sé, ma questa volta per una tematica sociale molto importante. Non è stata una sua foto a far incitare gli animi, ma la sua presa di posizione in favore della libera scelta delle donne nella gestione del proprio corpo. La modella risponde così alle critiche ricevute.

Emily Ratajkowski decide di rispondere alle critiche ricevute direttamente dal suo profilo di Instagram: la modella americana, infatti, è stata presa di mira per alcune sue dichiarazioni e prese di posizione in favore delle donne. Da sempre, Emily ci tiene a ribadire che la libertà di gestire il proprio corpo, come e quando si vuole, sia sacrosanta e, questa volta, non sta parlando soltanto di esibire scatti senza veli. Da cosa si sta difendendo Emily?

Il messaggio su Instagram di Emily vs le critiche

L’ultimo post della Ratajkowski sul profilo Instagram non è un’immagine, ma uno slogan a caratteri cubitali su sfondo rosa. La scritta recita così: “My body. My choice”. Fermandoci qui, potremmo pensare a una delle numerose campagne che la modella sostiene da sempre per la libera espressione del corpo femminile, con o senza veli. Molto famosa la foto sui social di Emily insieme a Kim Kardashian, mentre esibiscono entrambe il prosperoso seno nudo davanti allo specchio, in un bagno pubblico. Emily sostiene che ogni donna possa fare quello che vuole, senza per questo essere insultata o criticata per la propria sessualità e sensualità femminile. Per questo si è molto arrabbiata, poco tempo fa, per l’hackeraggio del suo iCloud e la pubblicazione di foto private: non tanto per il contenuto, ma per il fatto che siano state condivise immagini sexy senza il suo permesso.

Perché Emily ha ricevuto critiche

Di recente, Emily ha preso parte a un video che promuove un’importante campagna per l’educazione sessuale dei giovani. Nel post su Instagram, infatti, specifica la sua posizione a favore delle “PP” ovvero delle fondazioni di Planned Parenthood, “Genitorialità programmata”. “Credo nel diritto delle donne a una sicura, accessibile e legale salute riproduttiva. Per questi motivi sto con le ‘PP’”. La bufera in seguito al video arriva da parte di persone che non approvano le pratiche adottate da queste fondazioni. In realtà, Emily promuove prima di tutto una conoscenza approfondita riguardo la sicurezza durante i rapporti sessuali e chiude il girato ricordando a chi la sta ascoltando di “usare sempre il profilattico”.

Emily contro Trump, ma pro Melania

Dopo l’elezione del nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America, Emily si è più volte espressa come contraria a certe politiche contro l’immigrazione: per esempio, ha indossato sui social una maglietta bianca con sopra scritto “La rivoluzione non ha confini”. L’hashtag #nowallnoban è significativo. Non solo, Emily non approva le decisione del governo americano di togliere i fondi alle Planned Parenthood, motivo per cui ha deciso di abbracciare la campagna per sostenere le fondazioni e di esprimersi direttamente su Instagram per rispondere alle critiche. Se il Presidente non riscuote molto successo sulla modella, il cui cognome polacco è un tipico esempio della multietnicità americana, Emily ha avuto un occhio di riguardo per la first Lady. Dopo l’instaurazione di Trump, la decisione di tantissimi stilisti di rifiutarsi di vestire sia Melania Trump che le figlie non è proprio andata già a Emily. Su Twitter, la modella lancia questo messaggio, che si può estendere a tutte le donne del mondo e non soltanto alla discriminazione subita da Melania: “Gli attacchi alle donne sono atti di disgusto e bullismo sessista”. La moglie di Trump, il giorno dopo, l’ha ringraziata con un tweet: la solidarietà femminile va oltre qualsiasi cosa. Confini, stato sociale e opinioni politiche.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky