08 agosto 2017

Sinead O’Connor: il video allarmante su Facebook

print-icon
sinead-o-connor-video-allarmante-su-facebook

Sinead O’Connor pubblica un video allarmante su Facebook in cui parla della sua malattia mentale, paragonandola alla droga. La cantante dice che il suo psichiatra è l’unico a tenerla ancora in vita.

Sinead O’Connor, indimenticabile interprete di “Nothing compares 2 U”, ha pubblicato un video shock sulla sua pagina Facebook che ha destato molta preoccupazione tra i fan dell’artista.

Sinead e la depressione

Nel video di 11 minuti, la cantante confessa, in lacrime, di essere sola al mondo e di vivere in un hotel Travelodge nel New Jersey: “Sono da sola. E non c’è niente nella mia vita eccetto il mio psichiatra, la persona più dolce del mondo. Questa è l’unica cosa che in questo momento mi tiene in vita”. La cinquantunenne cantante irlandese sta lottando contro la depressione da molti anni, le è stata diagnosticata una sindrome borderline già in giovane età che l’ha portata a tentare il suicidio una prima volta il giorno del suo 33esimo compleanno. Sinead però ha sempre rivolto ai suoi fan richieste di aiuto, come quando chiese su Twitter se qualcuno conoscesse uno psichiatra a Dublino “che possa vedermi urgentemente oggi, sto davvero male e sono in pericolo”. E anche questa volta l’artista si rivolge ai suoi fan, dicendo che intende sopravvivere a questa sua ultimi crisi: “Sono davvero triste e non dovrei essere qui e so che sono solo una di tanti milioni e questa è l’unica cosa che mi fa andare avanti”. E ancora: “Perché siamo soli? Le persone che soffrono di malattie mentali sono le persone più vulnerabili della terra. Dovete prendervi cura di noi. Non siamo uguali agli altri, faccio questo video affinché tutti possiate vederlo. È il marchio, lo stigma che uccide le persone, non la malattia mentale”. Sinead dice di essere stata abbandonata anche dalla sua famiglia e dalle persone più care: “Voglio che tutti sappiano cosa significa e perché faccio questo video. Le malattie mentali sono come le droghe, sono uno stigma: all’improvviso tutte le persone che dovrebbero amarti e prendersi cura di te ti trattano male”. Parole forti, agghiaccianti, che danno l’idea dello stato in cui si trova la cantante irlandese e che hanno allarmato i fan che ancora la seguono sui social network.

Una vita al limite

Sinead O’Connor è stata una delle grandi protagoniste della scena musicale tra la fine degli anni ’80 e gli anni ’90. Dotata di una voce straordinaria e di un carisma unico, ha sempre vissuto una vita al limite, come quando strappò in diretta una foto del papa. Nata in un sobborgo operaio di Dublino, Sinead ha avuto un’infanzia molto difficile, con la separazione dei genitori all’età di 9 anni e una madre alcolizzata e depressa. Da ragazza, viene espulsa da diverse scuole e rinchiusa in riformatorio. Nel frattempo, comincia ad appassionarsi alla musica e a suonare con alcuni gruppi della scena irlandese, fino al 1987, quando il suo look androgino e post punk e la voce incantevole le aprono le porte del successo. Nel 1990, con Nothing compares 2 U, scritta da Prince, la cantante ha la consacrazione definitiva: il pezzo è forte e melodico, il video è dolce e sofisticato e fa il giro del mondo. Ancora oggi, la canzone è il brano che rappresenta SInead O’Connor più di tutti.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky