Caricamento in corso...
18 novembre 2009

Cruz al Letterman: "Vincere l'Oscar è come una droga"

print-icon
gli

Penelope Cruz in una scena dell'ultimo film di Pedro Almodovar

Al popolare show, in esclusiva questa sera su Sky Uno, la star spagnola parla di cosa ha provato quando ha vinto l'ambita statuetta e presenta Nine. Leggi in anteprima un estratto dell'intervista

Attualmente è nelle sale italiane con Gli Abbracci spezzati Prossimamente la vedremo ballare e cantare in Nine , il musical ispirato a Otto e mezzo di Fellini, in cui interpeta  Carla Albanese, l'amante di Guido Contini, ruolo che al Cinema fu di Sandra Milo.
Ma al David Letterman Show, in onda su Sky Uno, Penelope Cruz ha raccontato soprattutto quello che ha provato quando ha vinto l'Oscar come attrice non protagonista per Vicki, Christina, Barcelona.
Questo è quello che ha raccontato allo show dopo l'annuncio della vittoria agli Oscar.

Ricordo di aver pregato che non  mi venisse un attacco di panico, di sopravvivere  e di potermi godere quel momento.Ero così agitata  che temevo di non godermelo.
Dopo aver vinto,  ho pianto per mezz'ora.
Poi mi hanno portato in giro  per feste, ma non ricordo nulla.
Ricordo solo che a un certo punto  è sbucato Jack Nicholson, ha afferrato il mio Oscar  e si è messo a ballare con lui. Mi sembrava  di aver preso una strana droga...
In realtà, odio le droghe,  ma la sensazione era quella. Mentre annunciano tutti i candidati  e armeggiano con le buste, ti separano solo pochi secondi  dal sapere se vincerai o meno.
Dopo che hai vinto esplode tutto,  comprese le tue emozioni.
C'è anche la tensione di dover fare  un discorso di pochi secondi...
Io penso di aver parlato  per un minuto e mezzo

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky