Caricamento in corso...

Adriano Celentano

biografia

Tutto su Adriano Celentano

Noto in Italia (e non solo) come “il Molleggiato”, Adriano Celentano è un personaggio davvero poliedrico: cantautore, ballerino, conduttore televisivo, attore, regista, sceneggiatore, produttore discografico, nonché montatore e showman.
Adriano nasce il 6 gennaio 1938 a Milano nella Via Gluck che renderà celebre con una delle sue canzoni.
La famiglia di quella che diverrà una delle voci più apprezzate d’Italia è originaria di Foggia, città pugliese da cui i genitori emigrano alla volta della Lombardia per motivi di lavoro.

 

La carriera

Celentano, ottenuta la licenza di quinta elementare, decide di non proseguire gli studi per lavorare; si cimenta in vari mestieri tra cui anche quello di orologiaio.
Il Molleggiato debutta al Teatro Smeraldo, dove in coppia con Elio Cesari (meglio noto come Tony Renis) e col nome di battaglia Gli allegri menestrelli del ritmo, si fa conoscere mediante una esilarante parodia musicale del duo Jerry Lewis- Dean Martin.
Al Santa Tecla, poi, fa la conoscenza di Bruno Dossena che lo invita a prender parte al Festival del Rock'n'roll.
Adriano coglie l’invito nel 1957 accompagnato dal complesso dei Rock boys, tra le fila dei quali militano Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci e Luigi Tenco.
In questa occasione la canzone Ciao ti dirò stravince e gli vale il primo contratto con la casa discografica milanese Saar.
L’anno successivo Celentano compare nella prima delle 40 pellicole che lo vedranno come protagonista: I frenetici.
Altri film lo porteranno a recitare insieme a leggende come Totò, Sophia Loren e Anthony Quinn e a conoscere Claudia Mori, l’amore della sua vita.
Il 1959 consacra il Molleggiato come voce rock italiana: al Festival di Ancona scala il podio con Il tuo bacio è come un rock conquistando anche il secondo posto.
Da questo momento in poi non ci sarà anno in cui Celentano non abbia uno o più 45 giri nella hit parade delle classifiche di vendita.
Nel 1960 Federico Fellini lo fa comparire in una sequenza centrale del suo capolavoro La Dolce Vita.
L'anno seguente Adriano nonostante la partenza per il servizio militare, riesce a partecipare al suo primo Festival di Sanremo presentando Ventiquattromila baci, assieme a Little Tony; la canzone non vince ma vende oltre un milione di copie e il suo secondo posto diventa persino oggetto di un’interrogazione parlamentare.
Del 1961 è la fondazione del Clan Celentano, primo tentativo di un artista italiano che sceglie di autoprodursi, ma anche di lanciare altri cantanti e musicisti in erba.
Il Clan viene presto conteso da vari distributori discografici, ma Celentano non ne vuole cedere alcuna quota.
Il 1966 è l’anno dell’inno ecologista di Sanremo, Il ragazzo della Via Gluck, che non convince la giuria ma cattura il pubblico.
Celentano continua a distinguersi, in ambito musicale, con testi dalle tematiche innovative, attuali, politiche (dalla droga alla caccia, passando per il nucleare) e dal sound che anticipa il rap americano (come in Prisencolinensinainciusol).
Tutto questo gli frutta più di 150 milioni di dischi venduti, un primato raggiunto soltanto da un’altra grande voce italiana, quella di Mina, con la quale duetterà in un intero album negli anni ‘90.

Ma Celentano non si accontenta ed espatria anche: con l'album Svalutation, ironico commento alla crisi economica che falcidia l'intero Occidente, conquista la Francia e la Germania.
Record sono anche quelli che Celentano ottiene in campo cinematografico: Innamorato pazzo e Il Bisbetico domato sono le prime pellicole della storia del cinema del Bel Paese a riscuotere più di venti miliardi di incasso.
Tra gli ultimi e più apprezzati album sta C'è sempre un motivo, del 2004, che contiene anche un brano inedito di Fabrizio De Andrè, Lunfardia.
Subito dopo il lancio del cd a Celentano fa gola il piccolo schermo, ma un litigio con la Rai fa sfumare i suoi progetti.
Dopo Rockpolitik, l’occasione di tornare in Tv arriva nel novembre 2007 con La situazione di mia sorella non è buona, che suscita non poche polemiche e dibattiti.
Il cambiamento da rockstar a predicatore, infatti, lascia perplessi persino alcuni dei suoi fans.

In questa nuova veste si presenta al Festival di Sanremo 2013, al timone di Rock Economy e altri show, mentre si attende per il 2016 una nuova collaborazione con Mina.

 

Vita Privata

Adriano Celentano ha da poco festeggiato 50 anni di matrimonio assieme a Claudia Mori, sua moglie, collega, musa e madre dei figli Rosalinda, Giacomo e Rosita.
La loro è un’unione che ha resistito a non pochi momenti di crisi e che dura dall’incontro avvenuto nel 1963 sul set del film Uno strano tipo; in quell’occasione Celentano perde la testa per Claudia e lascia per lei la fidanzata Milena Cantù.

 

Curiosità

Nel tempo libero Celentano si diletta ancora a occuparsi degli orologi e dei loro meccanismi.
L’Ex-Unione Sovietica lo ha incoronato come l'artista e l'uomo straniero più amato.
Celentano si è dichiarato politicamente vicino, in occasione delle elezioni del 2013, al Movimento 5 Stelle.L’Adriano nazionale è un grande tifoso nerazzurro, nonché grande amico dello storico presidente dell’Inter Massimo Moratti.

Foto: Getty Images

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky